Una perla in termini di sicurezza

Secondo il colosso Bloomberg è Tokyo la città più onesta del mondo. La metropoli nipponica non fa che inanellare primati, è stata infatti già incoronata città più vivibile del mondo nel 2015 secondo l’inchiesta portata avanti dal magazine britannico Monocle, che da circa dieci anni si occupa di stilare questa particolare classifica.

Tokyo la città più onesta del mondo
Fonte hoganlovells.com

Già capitale della tecnologia per antonomasia, nonché città più sicura del mondo secondo il Safe Cities Index World 2017, Tokyo è una perla rara in termini di sicurezza, una metropoli nella quale la criminalità è quasi inesistente, laddove le persone “si concedono ancora il lusso” di lasciare l’iPhone incustodito sulle sedie o sul proprio tavolo al pub per andare ad ordinare al banco, o ancora circolare con alte cifre di denaro contante nel portafogli senza la paura di venire assaliti e derubati. Ci troviamo innanzi ad un primato importante, l’anno scorso sono stati riconsegnati alla polizia 3,67 miliardi di yen – circa 32 miliardi di dollari – in contanti e in oggetti smarriti, che sono stati resi ai legittimi proprietari.

Premiare è meglio che punire

Ciò che abbiamo descritto poc’anzi è la testimonianza di un retaggio culturale in cui etica, senso civico e fiducia nelle istituzioni sono ben radicati, si pensi che nelle scuole i ragazzi  frequentano corsi di etica che permettono loro di sviluppare e potenziare la loro capacità empatica, in altre parole provano ad immedesimarsi nelle persone che perdono i propri soldi o i propri beni. L’onestà è una qualità che viene sempre ripagata, infatti chi ritrova del danaro e lo consegna alle forze dell’ordine ha diritto ad una ricompensa tra il 5 e il 20% se la cifra viene reclamata dal legittimo proprietario, oppure il 100% se nessuno si fa vivo nell’arco di tre mesi dal ritrovamento.

Alto livello di istruzione pubblica ed empatia

Non è inusuale vedere anche i più piccoli ritrovare una moneta da 10 yen e portarla immediatamente presso il comando della polizia ha spiegato l’ex agente Toshinari Nishioka che ora insegna alla Kansai University of International Studies.

Mentre in Italia si polemizza circa l’obbligo di andare a prendere i minori all’uscita di scuola, a Tokyo i bimbi vanno a scuola da soli e le donne si sentono sicure ad uscire da sole persino a notte fonda anche perché è possibile contare su una rete di trasporti super efficiente quanto a puntualità e copertura capillare di ogni angolo della metropoli.

Tokyo è la regina della sicurezza

Secondo il già citato Safe Cities Index World 2017 stilato dal centro di ricerca del settimanale inglese “The Economist”, la capitale nipponica conquista il punteggio di 89,8 su 100, il più elevato a livello mondiale e proprio come nel 2015 si è classificata come la migliore nella categoria della sicurezza digitale. Dal 2015 è ad oggi è salita di 7 punti nella categoria della sicurezza sanitaria e tra i primi dieci nella classifica della sicurezza delle infrastrutture. Quanto alle città italiane entrate nella classifica delle più sicure al mondo troviamo Milano e Roma che si piazzano rispettivamente al 25° e 27° posto della classifica.

Contributo di Andrea Carmelita 

 

 

A lezione di etica: e’ Tokyo la città più onesta del mondo
Tag: